Contro il virus: il contributo delle biblioteche polesane

leggere01

leggere01Dopo l’iniziale momento di scoramento e incertezza molte biblioteche polesane, costrette alla chiusura per l’emergenza sanitaria, si sono rimesse al lavoro con servizi di back office, progetti a distanza e varie iniziative di promozione della lettura in forme alternative. Di seguito, ne proponiamo una sintetica panoramica.

L’Accademia dei Concordi in collaborazione con il Comune di Rovigo ha aperto un canale Youtube per ospitare le iniziative “Insieme con i cittadini” e “Insieme con i bambini”, letture video narrate a cura, rispettivamente, del docente universitario Andrea Bagno e della bibliotecaria del Multispazio Ragazzi Sara Bordiga.

La prima lettura per adulti proposta è tratta dal “Diario Veneto” del compianto G.A. Cibotto mentre a intrattenere i più piccoli ci pensa la divertente fiaba in lingua Piripù inventata de Emanuela Bussolati e dal titolo “Tararì Tararera”.

“Facciamoci compagnia” è invece l’invito che la biblioteca di Pontecchio Polesine rivolge ai loro utenti tramite i canali social Facebook e Instagram, sui quali sono caricate storie lette ad alta voce per bambini e adulti. Si è partiti con “Riccioli d’oro e i tre orsi”  e con una curiosa versione in spagnolo dei 3 porcellini, letta della presidente del Comitato di gestione Isabel Castro Bugarin.

Con il progetto “Ci sentiamo?” la biblioteca di Loreo propone favole per tutti i gusti a chiunque telefoni al numero 0426 334657 il mercoledì pomeriggio, dalle 16 alle 17.30.

E’ partita invece con le Favole di Esopo l’iniziativa “Favole a domicilio” della biblioteca di Gavello, videoletture sulla pagina Facebook a cura della bibliotecaria Cristiana Tiberto.

Fin dai primi giorni dell’emergenza si è attivata la biblioteca di Lendinara, che ha pensato di coinvolgere la cittadinanza chiedendo di inviare le proprie letture ad alta voce da pubblicare sulla pagina Facebook della Cittadella della Cultura, insieme a quelle degli operatori. Tra le proposte consigliamo il “mondo a testa in giù” della bravissima Emma.

Sulla propria pagina Facebook la biblioteca di Guarda Veneta propone ogni giorno consigli di lettura ma anche percorsi e progetti di lettura alternativa. Videorecensioni e presentazioni di novità editoriali sono in preparazione anche alla biblioteca di San Bellino mentre Corbola rilancia sempre su Fb le fiabe di Pierluca Donin, direttore di ArteVen, attore e regista.

Ad Ariano Polesine il Comitato di biblioteca all’inizio della crisi ha creato un gruppo Fb dal titolo “Bibliotechine”, al quale tutti sono invitati ad accedere per condividere idee, consigli, iniziative ed esperienze legate al mondo della lettura.

A San Martino di Venezze la biblioteca ha inaugurato la propria pagina Fb con l’iniziativa #iorestoacasa con la biblioteca che prevede, tra l’altro, una serie di audioletture per bambini a cura della bibliotecaria Teresa Colombo. Si parte con il divertente Rosso Micione di Eric Battut.

A Stienta la biblioteca ha organizzato un progetto creativo per bambini intitolato “Questo l’ho scritto io”: i bambini sono invitati a realizzare elaborati (un testo o un disegno) su come stanno vivendo questo periodo di emergenza o su un tema libero, che potranno essere consegnati alla riapertura della biblioteca. Ogni partecipante riceverà un attestato di partecipazione che verrà consegnato in occasione dell’appuntamento annuale con la “Giornata del Libro per Bambini e Ragazzi” (data da definire). Dettagli sulla pagina Fb della biblioteca.

La biblioteca di Villanova del Ghebbo è riuscita ad organizzare fin da subito, grazie alla collaborazione con i volontari della protezione civile, un servizio di consegna a domicilio di libri per i propri utenti ed un’iniziativa analoga è allo studio a Porto Tolle ed Ariano Polesine.

Molte altre biblioteche stanno lavorando per migliorare i servizi e prepararsi al meglio per la riapertura, alcune con attività di back office, dai progetti di revisione e riordino del patrimonio all’allestimento dei nuovi acquisti, altre con progetti di telelavoro per la catalogazione del catalogo, la realizzazione di bibliografie e lo studio di progetti di promozione.

Dal canto loro le cooperative impegnate nella gestione delle biblioteche polesane non hanno mancato di offrire e diffondere progetti e iniziative tramite i loro contatti social.

Per quanto riguarda le iniziative di cooperazione, messi forzatamente in stand by tutti progetti di promozione alla lettura per adulti – Incontri con l’Autore – e bambini – Libri Infiniti – Fondazione Aida, che ne cura il programma per la Provincia di Rovigo, non ha mancato di promuovere iniziative di promozione della lettura sui vari canali (Fb, Youtube, Spotify), ed ha organizzato anche un ricco programma di letture sulla piattaforma Cisco Webex (info all’indirizzo fondazione@fondazioneaida.it).

Anche il Centro Servizi SBP non si ferma ma è al lavoro per sviluppare e migliorare i propri servizi, dall’aggiornamento e implementazione degli applicativi alla realizzazione di guide per bibliotecari fino alla bonifica del catalogo. In particolare si sta lavorando per attivare, alla riapertura, il servizio UtenteWeb, che consentirà agli utenti delle biblioteche di prenotare i libri da casa e da remoto, di controllare lo stato delle proprie prenotazioni e prestiti e il proprio storico. Restano ovviamente aperti anche i canali per dare assistenza sui servizi ai bibliotecari polesani, che quotidianamente si scambiano opinioni, idee e proposte anche nella chat di Whatsapp dei Bibliotecari SBP amministrata dal Centro Servizi SBP.

27. marzo 2020 by admin_sbpr
Categories: Notizie, Novità, Promozione lettura, Ragazzi, Rete, SBP | Leave a comment